precedente
Per Inventa TRO un anno vincente!
di E20 Express

Per Inventa TRO il 2019 è stato un anno vincente con una crescita del profitto superiore al +20% e 15 gare aggiudicate. Magaraci: "Siamo coinvolti in diversi grandi pitch, di cui uno riguarda una public company"

Il Managing Director della sigla parte di Omnicom Group, ha illustrato i principali risultati che hanno raggiunto in termini di business nell'anno appena terminato, guardando al 2020 con grandi aspettative di crescita ma anche consolidando la partnership con i clienti in portafoglio.

Inventa TRO, unica rappresentante in Italia di Omnicom Experiential Group che annovera le migliori agenzie esperienziali del Network a livello mondiale, ha archiviato un anno, il 2019, di grandi risultati e soddisfazioni. "Un anno vincente" ha dichiarato ad e20express il managing director Antonio Magaraci (in foto) che ha fatto un bilancio dei principali risultati raggiunti.

"Mi piace sottolineare che è stato il terzo anno consecutivo di crescita sensibile sia in termini di fatturato sia di profitto. In particolare, in termini di profitto, siamo cresciuti, rispetto all’anno scorso, di più del 20%. E’ un risultato straordinario soprattutto se consideriamo che già nel 2018 avevamo registrato una crescita eccezionale rispetto al 2017. E questo, lo sappiamo, è sempre importante, ma lo è un pochino di più quando fai parte di un Gruppo internazionale (Omnicom) quotato in borsa e quindi particolarmente attento agli indicatori finanziari."

Per il manager alla base di questo trend di crescita c'è il consolidamento del posizionamento di Experience Agency della sigla che poggia su 3 pilastri che si riferiscono al pre, durante e post experience. Ovvero precisa Magaraci: "solida impostazione strategica, execution dell’attività estremamente attenta, analisi dei dati tramite il nostro tool di business intelligence".

Il 2019 è stato per Inventa TRO anche l'anno del conseguimento della certificazione ISO che testimonia un way of working dell’agenzia solido e di qualità. Importanti risultati anche in termini di new business nell'anno appena terminato con: "15 gare vinte, quasi il 50% di quelle a cui abbiamo partecipato. Mi è spiaciuto, però constatare la conferma di un trend: quello delle gare non assegnate. Lo scorso anno circa il 20% non ha avuto nessun vincitore"

Parlando, invece, di progetti, abbiamo chiesto al manager quali quelli che si sono distinti per il tipo di attività proposta o i risultati raggiunti?

"Nel 2019 abbiamo affrontato tanti progetti sfidanti. L’evento che ha avuto maggior risonanza è stato senza dubbio il lancio della linea Galaxy A per Samsung. Un grande evento immersivo B2B e B2C che ha visto la contemporanea attivazione a Milano, Bangkok e San Paolo. Per il terzo anno di fila abbiamo consolidato la nostra partnership con il gruppo Bacardi. Nel corso dell’anno abbiamo creato e gestito più di 300 attivazioni On Trade per i brand St. Germain, Patron e Grey Goose, oltre alle attività di Advocacy, eventi piuttosto complessi che necessitano di una conoscenza approfondita del canale bar e dell’industry degli spirits. Per Biraghi abbiamo gestito tantissimi progetti, tra il quali uno in particolare di lunga gestazione e di grande visibilità: mi riferisco alla creazione di un percorso esperienziale nelle 12 vetrine del flagship store Biraghi in piazza San Carlo a Torino che si distingue per la presenza di uno zootropio di grande impatto scenografico che lascia il pubblico a bocca aperta (leggi news). Inoltre, tra i diversi progetti di comunicazione gestiti per Axa, ricordo la creazione della retail communication nelle filiali MPS. Chiudo con Novartis, per cui abbiamo effettuato diverse campagne e attivazioni di live communication grazie alla nostra BU specializzata nel Pharma".

Guardando al 2020 quali sono i progetti in preparazione?

"Alla luce dei risultati del 2019, naturalmente ci aspettiamo molto dal 2020. Intanto consolideremo la partnership con tanti clienti, oltre a quelli appena citati. E poi abbiamo nel mirino un paio di grandi opportunità che coinvolgeranno il nostro network, tra le quali una con una public company".

Credits: